Curatore d'Arte

Claudio Orlandi

Claudio Orlandi … per molti il complimento più grande che si può fare all’opera di un pittore è: “bello! sembra una fotografia”. In effetti nel mondo dell’arte, sempre che non si stia parlando di “iperrealisti
non è considerato per niente un complimento l’equiparazione di un dipinto ad una fotografia.
La situazione è completamente diversa nel caso in cui, invece, commentando lo scatto di un fotografo, si afferma: ” sembra un quadro”.
Ebbene quando si vedono le mostre di Claudio Orlandi si ha proprio la sensazione di assistere all’esposizione dei lavori di un maestro del pennello.
Per non tacere della capacità di Claudio di  vedere, con il suo obiettivo, prospettive o macro-mondi di cui, nella frenesia del quotidiano, non sospettiamo neppure l’esistenza….

Una Mostra a cura di :
Angelo Andriuolo , Giorgio Bertozzi , Ferdan Yusufi
La DEGA Sanat Galerisi di Suadiye – Istanbul –
presenta
CLAUDIO ORLANDI  ” DÜŞLER “
Terza mostra personale in Turchia per l’Artista Claudio Orlandi.
II fotografo romano si presenta ancora al pubblico Istanbuliota con una personale presso la galleria Dega nel quartiere di Suadiye .
“Claudio Orlandi ha la capacità di trasformare momenti di vita ordinaria in momenti di straordinaria poesia.
Quella che altro non è che folla scomposta, persa nel suo niente, acquista impensate geometrie, diventa un mondo surreale di elfi e fantasmi che spuntano da brecce aperte nel tempo fissando un attimo a noi ormai sconosciuto.
Sguardi pietrificati da foreste pietrificate, queste nostre stesse strade percorse cento volte e cento volte dimenticate , vissute in un attimo e perdute al primo incrocio.
Lo percepiamo senza vederlo questo sguardo, lo ricambiamo accusandone il peso, ma nello stesso tempo sentendone la forza pacificatrice e taumaturgica.
Sentiamo… e tanto basta.
Come da un bagno nell’acqua sorgiva, ne usciamo purificati.”   ( antonella andriuolo )
gli scatti di Orlandi rompono i confini dell’ambientazione ….. appunto del tempo che passa via e rapisce le definizioni ed i contorni, altera la successione dei piani e degli istanti, Orlandi…trasfigura le atmosfere e ridisegna paesaggi.
… Il risultato sono queste immagini ambigue e consistenti di una realtà remota, chissà un gioco, o una chimera, una sfacciata bugia ed un pietoso sotterfugio per tentare di levare al tempo rapitore un brandello della sua preda.    (francesco giulio farachi)
Inaugurata
Mercoledi 15 Settembre 2010, h. 17,00  DEGA Sanat Galerisi – Suadiye -Bağdat Caddesi n. 436 , ISTANBUL

Lascia un commento