La Fotografia secondo Ugo Maria Cionfrini

in artisti

Ugo Maria Cionfrini Giorgio Bertozzi Neoartgallery 16

La Fotografia secondo Ugo Maria Cionfrini

Ugo Maria Cionfrini vive e lavora a Roma dove si è diplomato al  liceo Artistico iniziando  già ad 11 anni con la sua Kodak americana a riprendere il “suo mondo”.Ha frequentato il “Corso di fotografia professionale: dalle basi al digitale” della Nikon Italia ed in contemporanea ha partecipato  al Corso di Macrofotografia di Riccardo Polini. Ha partecipato allo stage  in Camargue, organizzato dalla Nikon con Guido Bissattini e ha  frequentato il Corso della Scuola Romana di Fotografia. Le sue mostre sono state organizzate tra i più prestigiosi curatori d’arte come il Prof. Achille Bonito Oliva ed il Prof. Stefano Papetti.

Nel segno della natura

Acqua. Liquido per eccellenza, ricchezza vitale indispensabile.

Acqua. Arte solida, ricchezza visiva di Ugo Maria Cionfrini.

Le nuvole, oppure i sassi ci hanno mostrato talvolta forme celate da esplorare, ma l’acqua è un mistero svelato di stupore da un occhio così attento e unico, che ci viene porto nella sua originalità attraverso uno zampillo che pare fermare il tempo nel suo scorrere eterno.

Il mondo animale si svela con un piccolo solitario elefante , con la rana è immobile nello stagno, mentre il germano deciso spicca il volo.

Guardingo si propone il carlino , mentre il Terranova passeggia a suo agio nello spazio. Ma che cosa ci fa una mummia in cammino? Fa compagnia alla strega!

Gli occhi dell’osservatore non possono che continuare curiosi a volteggiare insieme alla ballerina e restare a bocca spalancata.

Ma ecco che il viaggio degli zampilli ci trasporta nel tempo remoto di un dinosauro sopravvissuto.
Questi preziosi, futuribili dagherrotipi di eternità naturale, questi giochi lievi, sono sensazioni di freschezza, sono sorsi d’autore per l’anima. Nello sguardo di questo Artista si racchiudono magie. Assaporiamole al pari del suo cono di gelato dal gusto indimenticabile.

Michaela Menestrina

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • © 2012 – 2019 – Giorgio Bertozzi – All rights reserved