Curatore d'Arte

Iure Cormic Oltre Lo Spazio

 

Layout 1

Per la prima volta a Roma

IURE CORMIC – OLTRE lO SPAZIO

Per la prima volta a Roma
il surrealismo diventa astratto e si materializza.
Dodici opere che ne disegnano il percorso artistico dal 2000 al 2014

Questo slideshow richiede JavaScript.

Iure Cormic nasce a Roma, di origini montenegrine. Già nella prima giovinezza mostra un uso magistrale della fotografia, per poi di- venire abile modellatore di materiali come la creta e la ceramica, sperimentando l’arte presepiale nello stile del ‘700 napoletano con riconoscimenti ,esposizioni e premi a li- vello nazionale. L’artista esplora successivamente il mondo dell’astrazione, dal realismo fantastico a quello simbolico. Iure ha grande maestria nel coinvolgere l’osservatore in un sensuale e morbido cromatismo che con un rivelarsi lirico e fiabesco, ci conduce nella magnifi- cenza di visioni da sogno scaturite da una fantasia fluida e pura, capace di dar avvio a passeggiate in un immaginario ricco di det- tagli; si realizzano immagini leggere ed ete- ree come quinte scenografiche, dalle semplici forme chiuse da linee morbide e dal cromatismo raffinato. Le sue opere sono ca- ratterizzate da vaste campiture monocroma- tiche più o meno regolari, disposte su sfondi omogenei. Nel contemplare le sue opere si può avvertire una personalissima condi- zione di evasione dal reale, restando coin- volti in questo viaggio della mente tra forme planetarie, lunari ma rappresentanti anche il microcosmo visto in laboratorio, scrutando l’insondabile mondo delle nostre emozioni più profonde. Per questo Iure Cormic è in perenne dinamismo espressivo. Francesco Ercolino

INAUGURAZIONE

27 novembre 2014 ore 18

ESPOSIZIONE

dal 27 novembre al 3 dicembre ore 10,30-13/15,30-20

Galleria dei Soldati via dei Soldati, 27 – 00186 Roma

(vicino al Museo Napoleonico e a piazza Navona) tel. 066875613 – 066874864
nelle vicinanze é possibile utilizzare il parcheggio sotterraneo di piazza Cavour

testi critici di Francesco Ercolino e Giosuè Natangelo

coordinamento grafico Stefano Ferracci

Lascia un commento