Curatore d'Arte

ISTODAY

Invito ISTODAY

 

ISTODAY 

ISTANBUL NELLE IMMAGINI DI STEFANO FERRACCI 

A cura di

Ferdan Yusufi e Giorgio Bertozzi

TRENTOFILMFESTIVAL

 61^ EDIZIONE 2013

 DESTINAZIONE … TURCHIA

25 APRILE – 18 MAGGIO

Torre Mirana, Cantine, Via Rodolfo Belenzani, 3 Trento

 con il contributo di Emre Yusufi.

testo critico di Laura Migotto

Inaugurazione 25 aprile ore 11.00

Le elaborazioni fotografiche di Stefano Ferracci raccontano una Istanbul dinamica e mo- derna, ricca di vibrazioni magiche, luci prepotenti e forme armoniose. Ma non fermatevi davanti all’apparenza, entrate con un rapido passaggio in una diversa dimensione ricca di emozioni, dove storie nuove e antiche si mescolano, tradizioni e futuro convivono, e nel guardare e sognare lasciatevi guidare dalle magiche suggestioni visive.

Ogni immagine della città è come una tarsia di un grande mosaico, nasce a Istanbul ma appartiene al mondo intero e si compone di tasselli di vita quotidiana che scavalcano consapevolmente il vero per renderlo reale nella sua irrealtà. In un caleidoscopio fantastico di tecnologie attuali, l’immagine fotografica ci permette di dimensionarci con il mondo e di avvicinarci al massimo alla perfezione della realtà. Nelle opere di Ferracci, invece, si offre allo spettatore un passaggio tra il reale tecnologico e una dimensione irreale dove la nostra parte inconscia si scuote e si incuriosisce disorientandoci tra sogno e realtà, tra vero e falso.

Contaminare e falsificare sono i mezzi con cui l’Artista manipola il reale creando così nuovi interrogativi e nuovi spunti di riflessione, la verità non è solo nella dimensione umana, è mutevole e spesso l’immaginazione prende il suo posto.

Ma in fondo esiste la Verità? Laura Migotto

Geçmişin ihtişamını korurken modern geleceğe hızla ilerleyen İstanbul şehrini bir yabancı sanatçının yorumuyla izlemek ayrı bir keyif veriyor insana. Sanki daha önce hiç orayı görmemiş, oradan hiç geçmemişçesine büyük bir merak uyandırıyor izleyicide. Yeniden keşfetmiş gibi… Müzelerini, kiliselerini, saraylarını, camilerini, doğal güzelliklerini, sokaklarını, yükselen gökdelenlerini, köprülerini, çay bahçelerini, modern kafelerini, otellerini, tarihi çarşılarını, alışveriş merkezlerini, restorantlarını, saymakla bitmeyen özelliklerini seyrederek yüzyıllardan beri neden insanların bu şehirden vazgeçemediklerini anlar ve dünyanın en güzel şehri olduğunu hissedersiniz. İstanbul’da, yüzlerce caminin silüetleri, yükselen modern yapıları ve gökdelenleri ile insan kendini geçmiş zaman ile bugün arasında bir rüya aleminde hisseder. Sanatçı Stefano Ferracci bu çalışmasında bize kendi penceresinden bu muhteşem şehrin yansımasını ifade etmiştir. Kendisine bu çalışması için teşekkür ederiz. Ferdan Yusufi

La mia immaginazione non aveva dato corpo alla vecchia Istanbul fino a quando non ho apprezzato di persona la modernità di questa metropoli in continua evoluzione. Sono trascorsi oltre 25 anni da quando per la prima volta ho attraversato il Bosforo, sul primo dei due ponti che collegano l’Europa all’Asia. La veduta è più ricca di quanto potrebbe realizzare con la fantasia il più ardito dei pittori paesaggisti, la storia si dipana, come raccontata dal grafico di un sismografo impazzito, mostrando torri, minareti, grattacieli, palazzi e cupole. La consapevolezza di essere nella storia la si ha osservando il profilo della città nuova che cresce mostrando il suo skyline simile alla firma dell’artista sul più inatteso dei propri capolavori. Stefano Ferracci, con le sue immagini, scosta il telo che copre la firma. Giorgio Bertozzi

Logo_ISTODAY

Lascia un commento