Nunzio Solendo per Dino Cucinelli

Nunzio Solendo per Dino Cucinelli

VISTA – “perché la Bicicletta” con libera testimonianza per DINO CUCINELLI nel Rione Celio di ROMA

Questo slideshow richiede JavaScript.

Perché la Bicicletta è il titolo della Mostra personale dell’Artista Dino Cucinelli, in Via Ostilia n.41 presso Vista Centro d’Arte di Alexander Jakhnagiev, a cura di Giorgio Bertozzi e Ferdan Yusufi con testo critico di Gaetano Maria Bonifati. Questa esposizione delle Opere pittoriche di Dino Cucinelli è visibile nel Centro Storico di Roma , nel Rione XIX Celio, che prende il nome dall’omonimo mitico Colle Celio, territorio di storica antica memoria Etrusco-romana di Celio Vibenna  e di Tullo Ostilio. Dino Cucinelli è nato a Roma nel 1943, nell’Eterna Città dai Mitici 7 Colli e degli urbani XXI Rioni , dei tanti Quartieri e delle Periferie che in altri tempi erano definite Borgate. La Roma laica e Repubblicana . Dino Cucinelli vive ed opera in prevalenza a Roma, che attraversa con poetica e creativa visione cittadina, composta e ricomposta nel concedere e nel concepire con le proprie attuali opere l’atmosfera compositiva e pittorica, attenta ed ispirata dalla particolare casualità di realtà urbana, con la presenza di Biciclette, in ogni luogo in sosta o in abbandonata attesa . Quelle biciclette che apparentemente paiono diventate occupazione di suolo pubblico e di involontario ornamento silenzioso nelle strade di Città. E’ la Bicicletta, che affascina e motiva  l’icona pittorica di Dino Cucinelli, che ne trae testo e pretesto diversificato di polivalente formalità, cromaticamente estensiva, nella rivisitazione a proprio modo del vero verosimile con la informata cultura visiva e gli appropriati personali riferimenti di acquisita matura rivisitazione, formale e storica dell’arte moderna e contemporanea . La capacità artistica di Dino Cucinelli trasmette all’osservatore sensibili storie, memorie, stati d’animo e mentali riferimenti di luoghi conosciuti e non, di composte e scomposte iconografie di accumolo urbano di biciclette esaltate magnificamente con maestria compositiva pittorica e segnica, contenute nel perimetro dei propri quadri esposti ed elaborati creativamente. Si assiste ad una prestigiosa esposizione con opere pittoriche articolate nella diversificazione dell’ alternanza  compositiva di equilibrata e dinamica commistione di tecniche cromatiche e formali, dall’impianto tonale alle stesure gestuali e alla quasi semplificazione monocromatica., sempre connesse all’ esecuzione testimoniale della ecologica e pratica Bicicletta, efficace e sofferta antagonista dell’inquinante sciamare automobilistico,che  trova cittadinanza propositiva e visiva con le Opere dell’Artista Dino Cucinelli . Dalla ripetuta prospettiva oggettivante dell’insieme della Bicicletta si evince tanta necessaria poetica formale ed iconografica, di una realistica condizione ambientale urbana, riportata all’interno delle opere di Dino Cucinelli, rivalutata creativamente e formalmente con intenso sentimento dinamico grafico e gestuale, con campiture cromatice diversificate e costruttive, con superba visione sentimentale e poetica di motoria immobilità, variegata nelle sue diverse dimensioni formali, cromaticamente condotte con attente spazialità ambientali, di segno e disegno pittorico . Dinamicità del gesto dipinto, tratteggiato nel segno significativo dell’oggetto biciclo, posto quale protagonista inmancabile, nell’oggettività ambientale ed iconografica, sostenuta da una notevole sensibilità formale e intenzionale di pittura moderna e contemporanea di nuova figurazione, operata da Dino Cucinelli, innestata e germinata dalla tradizione pittorica dei suoi noti Maestri artisti romani dei primi anni ‘900, quali Alberto Ziveri e Franco Gentilini, e per propria personale identità motivando e sviluppando soggettivamente un’ideologica crescita costante, attenta e convincente sensibilità creativa, apprezzata e sostenuta da qualificati Critici e Storici dell’Arte, in quanto modulata in un percorso di alternanze visive e di contenuti di pregevole fattura iconografica, di pittura colta e di convinta arte contemporanea, polivalente e dinamica . Le Opere qui esposte, datate dal 2008 al 2014, esprimono ed evidenziano un diversificato modo creativo e formale, connesso e riferito all’icona Bicicletta, diversamente indicata e titolata, dipinta con intenso intreccio di segni pittorici e campiture cromaticamente dinamici e spaziali, che rappresentano nel suo insieme una gradita e piacevole sensazione di notevole e valido Artista, che si manifesta e si colloca culturalmente in una area di ricerca artistica di valida pittura di nuova figurazione, emotiva, dinamica e gestuale, con segni e segnali di intensa sensibilità creativa, con evidenti motivazioni di notevole efficacia di rappresentazione oggettiva e soggettiva, diversamente articolata e connessa alla sua totale visione  compositiva pittorica, di propria identità culturale ed umana, di qualificato e valente Artista quale è Dino Cucinelli, colto e sensibile importante Pittore moderno e contemporaneo .

 ROMA – Rione Celio , 19 Giugno 2014

NUNZIO  SOLENDO
Artista Libero Pensatore e Professore Accademico Emerito
Cattedra di Pittura Accademia di Belle Arti di Roma


 

Questa voce è stata pubblicata in arte e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.